Multa con tele laser: la segnalazione dell’autovelox è sempre necessaria anche in caso di rilevamento fatto direttamente dagli agenti – Ordinanza n. 13727 del 22 giugno 2011torna indietro

Multa con tele laser: la segnalazione dell’autovelox è sempre necessaria anche in caso di rilevamento fatto direttamente dagli agenti

Lo ha deciso la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 13727 del 22 giugno 2011.

Si legge nella sentenza che “l’obbligo della preventiva segnalazione dell’apparecchio di rilevamento della velocità previsto, in un primo momento […] per i soli dispositivi di controllo remoto senza la presenza diretta dell’operatore di polizia è stato successivamente esteso a tutti i tipi e modalità di controllo effettuato con apparecchi fissi o mobili installati sulla sede stradale, nei quali, perciò, si ricomprendono ora anche gli apparecchi tele laser gestiti direttamente e nelle disponibilità degli organi di polizia”.

Tale estensione è stata introdotta dall’art. 3 del d.l. n. 117 del 2007 recante disposizioni urgenti modificative del codice della strada per incrementare i livelli di sicurezza nella circolazione. Alla luce di quanto statuito, ne consegue che va dichiarata la nullità del verbale di contravvenzione elevato per omissione dell’obbligo della segnalazione preventiva dell’autovelox anche nel caso in cui il rilevamento non sia automatico, ma fatto dagli agenti con il tele laser.

Tuttavia, nella pronuncia in esame gli “ermellini”, pur stabilendo che l’autovelox deve sempre essere segnalato, hanno anche evidenziato che tale obbligo è (rectius: era) strettamente correlato alla “data” di elevazione del verbale, stabilendo che l’estensione anche alle postazioni che siano gestite direttamente dagli agenti è entrata in vigore a partire dal 4 agosto 2007. A tale ultimo riguardo, nella fattispecie esaminata la Suprema Corte ha puntualizzato che “l’art. 3 del d.l. n. 117 del 2007 non è nella specie ratione temporis applicabile. Esso, infatti, è entrato in vigore successivamente alla commissione dell’infrazione, ossia il 4 agosto 2007, con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n. 180 del 4 agosto 2007 (v. art. 8 del d.l).”

Commento a cura dell’avv. Annamaria Gallo

CIRCOLAZIONE STRADALE

Cass. civ. Sez. II, Ord., 22-06-2011, n. 13727

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SETTIMJ Giovanni – Presidente

Dott. PETITTI Stefano – Consigliere

Dott. PARZIALE Ippolisto – Consigliere

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere

Dott. GIUSTI Alberto – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

R.M., rappresentato e difeso, in forza di procura speciale a margine del ricorso, dagli Avv. Longostrevi Poggi Fabrizio e Rosita Aurelio, elettivamente domiciliato nello studio di quest’ultima in Roma, via Tiburtina, n. 548;

- ricorrente -

contro

UNIONE DI COMUNI TERRE VERDIANE, in persona del Presidente pro tempore;

- intimata -

per la cassazione della sentenza del Tribunale di Parma, sezione distaccata di Fidenza, n. 61 in data 20 aprile 2009.

Udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 15 aprile 2011 dal Consigliere relatore Dott. Alberto Giusti;

sentito l’Avv. Stefano Terra, per delega dell’Avv. Fabrizio Poggi Longostrevi;

sentito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. RUSSO Rosario Giovanni, che ha concluso: “inammissibile la rinuncia; in subordine rimessione alle Sezioni Unite”.

Rilevato che il consigliere designato ha depositato, in data 1 febbraio 2011, la seguente proposta di definizione, ai sensi dell’art. 380 bis cod. proc. civ.: “Con sentenza n. 61 in data 20 aprile 2009, il Tribunale di Parma, sezione distaccata di Fidenza, ha accolto il gravame proposto dall’Unione di Comuni Terre Verdiane e, per l’effetto, in riforma dell’impugnata sentenza, ha rigettato l’opposizione interposta da R.M. avverso il verbale di contestazione per violazione del codice della strada.

Per quanto qui ancora rileva, il Tribunale ha ritenuto che l’accertamento dell’infrazione, commessa il 26 luglio 2007, di mancato rispetto del limite di velocità – accertamento avvenuto mediante una postazione di rilevamento mobile, alla presenza degli agenti della polizia stradale – non necessitasse della previa informazione agli automobilisti della presenza del dispositivo di rilevamento.

Per la cassazione della sentenza del Tribunale il Raso ha proposto ricorso, con atto notificato il 31 maggio 2010, sulla base di un motivo.

L’Unione di Comuni Terre Verdiane non ha svolto attività difensiva in questa sede.

Con l’unico mezzo il ricorrente pone il quesito se l’obbligo di informazione previsto dall’art. 4 del decreto-legge n. 121 del 2002 in tema di utilizzazione ed installazione dei dispositivi di rilevamento elettronico della velocità comporti l’obbligo di posizionare cartelli di segnalazione della presenza di postazioni per la rilevazione dell’accertamento di violazioni con metodiche elettroniche in caso di mancata contestazione immediata, sanzionato in caso di mancato rispetto con la nullità della sanzione comminata e se tale obbligo fosse già sussistente il giorno 26 luglio 2007, data di accertamento della violazione contestata al ricorrente.

Il motivo è manifestamente infondato.

Questa Corte (Sez. 2^, 18 gennaio 2010, n. 656) ha già statuito che l’obbligo della preventiva segnalazione dell’apparecchio di rilevamento della velocità previsto, in un primo momento, dal D.L. n. 121 del 2002, art. 4, conv. nella L. n. 168 del 2002, per i soli dispositivi di controllo remoto senza la presenza diretta dell’operatore di polizia, menzionati nell’art. 201, comma 1 bis, lett. f), è stato successivamente esteso, con l’entrata in vigore del D.L. n. 117 del 2007, art. 3, conv. nella L. n. 160 del 2007, a tutti i tipi e modalità di controllo effettuati con apparecchi fissi o mobili installati sulla sede stradale, nei quali, perciò, si ricomprendono ora anche gli apparecchi tele laser gestiti direttamente e nella disponibilità degli organi di polizia. Il D.L. n. 117 del 2007, non è nella specie ratione temporis applicabile. Esso, infatti, è entrato in vigore successivamente alla commissione dell’infrazione, ossia il 4 agosto 2007, con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n. 180 del 4 agosto 2007 (v. art. 8 D.L. citato).

Sussistono, pertanto, le condizioni per la trattazione del ricorso in camera di consiglio”.

Considerato che con atto depositato in data 15 aprile 2011, prima dell’inizio adunanza in camera di consiglio, il ricorrente ha rinunciato al ricorso, sulla base di precedente atto di transazione intervenuto con l’Unione di Comuni delle Terre Verdiane;

che non può accogliersi l’eccezione di tardività della rinuncia sollevata dal pubblico ministero;

che, infatti, le Sezioni Unite di questa Corte (ordinanza 16 luglio 2008, n. 19514) hanno statuito che in tema di giudizio di cassazione e di procedimento in camera di consiglio di cui all’art. 380 bis cod. proc. civ., dal complesso delle innovazioni apportate con la novella di cui al D.Lgs. n. 40 del 2006, inequivocamente volta al rafforzamento della funzione nomofilattica della corte di legittimità, a sua volta certamente agevolata da una definizione del giudizio di cassazione alternativa alla decisione, e dalla nuova formulazione dell’art. 391, secondo comma, cod. proc. civ., per il quale il rinunciante può (e non più deve) essere condannato alle spese, così avallando l’ipotesi che si sia voluto dar luogo ad una sorta di incentivazione alla rinuncia, si desume che il termine utile per rinunciare al ricorso va individuato nel momento in cui è precluso alle parti l’esercizio di un’ulteriore attività processuale e non in quello, antecedente, della notifica agli avvocati della relazione depositata dal consigliere relatore nominato ai sensi dell’art. 377 cod. proc. civ., senza che, in tal modo, venga meno la remora a presentare ricorsi inammissibili o manifestamente infondati, stante il ruolo potenzialmente deterrente della condanna alle spese, e che sia escluso il risparmio di attività per il quale si giustifica l’ammissibilità della rinuncia, essendo il collegio comunque esentato dall’esame del ricorso, sia in sede di adunanza in camera di consiglio, che di eventuale pubblica udienza, cui la causa venga rinviata ex art. 380 bis cod. proc. civ., comma 5;

che il Collegio condivide il principio di diritto enunciato dalle Sezioni Unite, e successivamente dalle stesse ribadito (ordinanza 6 settembre 2010, n. 19051);

che, pertanto, il processo deve essere dichiarato estinto per intervenuta rinuncia;

che non vi è luogo a pronuncia sulle spese, non avendo l’intimata Unione svolto attività difensiva in questa sede.

P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il ricorso.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della II Sezione civile della Corte suprema di Cassazione, il 15 aprile 2011.

Il Presidente

Ordinanza in pdf